Ciao! Che bello averti qui.

Sei un winelover o un operatore?

Chiama Ora
+39 0541 952608

08.03.2018

Vanessa Villa...la Romagna avventurosa

Vanessa Villa...la Romagna avventurosa

 

Qui ci trovi un pezzo della Romagna fresca e giovane, della Romagna di mare.
Inauguriamo le mini-interviste dei nostri winefriends che condividono la nostra tavola,
anche in giro per il mondo! Vanessa Villa…sognatrice verace,  cuore grande,
romagnola di nascita e globetrotter per natura.

 

 

Da un po’ volevamo inaugurare un momento speciale, un #Winefriends CLUB  con le chiacchiere tra  amici che bevono il vino,

e ci raccontano la loro visione del mondo e della Romagna.

E mi piace pensare che cominciamo con una donna avventurosa:

Vanessa Villa.
 

Una tavola imbandita, una bottiglia di #Caciara e due chiacchiere di fronte a una seppia con i piselli.

Siamo partiti con il sangiovese Caciara…per poi approdare ai sogni e alla vita.

Cos’è che ti porti in viaggio della Romagna ?


Della Romagna  mi porto la follia... nel senso del brio,
la spontaneità, l’allegria innata,
il volersi divertire con gli amici,

la genuinità e anche la semplicità delle cose giuste. 
Hai presente, no?

Cos’è per te l’avventura?

Avere coraggio, superarsi, imparare, vivere e giocare. In tutto questo è divertirsi. Insomma la vita!

La cosa più lontana da te?

L’ombra, tutto ciò che non è limpido e che non è chiaro.

 Se io ti chiedessi un oggetto che ti rappresenta o che rappresenta il tuo passato, la tua storia?

Mi viene in mente il Karategi, che però è anche il mio presente. È la divisa del Karateca, è una specie di kimono.

E il karate mi insegna e mi ha insegnato tante cose: sacrificio prima di tutto.
La dedizione, la tenacia, lo spirito di squadra.

Smussare i miei angoli e insegna a non abbatterti.
Credo che questo per me sia stato un insegnamento di vita enorme.

Nella tua vita da giovane avventurosa, chi sono stati i tuoi maestri?

Ti devo dire: tutte le persone che incontro! E imparo tanto anche dal negativo, non solo dal positvo.
E ogni persona che incontro ha qualcosa da insegnarmi. Ovviamente ho maestri più o meno influenti, in primis mio padre.

Per la sua saggezza e per il modo di porsi nei miei confronti. 
E beh…anche mia madre con la sua visione artistica della vita, l’amore incondizionato e  quella gioia e follia sana.

E mia sorella è la mia vita. Il mio grillo parlante.

E poi, torno a dire tutti: anche il macellaio sotto casa.

Tutto…anche il bicchiere di vino giusto da condividere con gli amici.

#happynoise #caciara